• 10-11/2: la Giornata del Ricordo delle tragedie postbelliche in Istria e Dalmazia

    Sabato 10

    Alle 8 teniamo la riunione di maggioranza per la preparazione del Consiglio comunale di giovedì prossimo. Alle 10 sono alla Madonna dei Fiori per la messa che inizia la nostra Giornata del Ricordo, in memoria delle migliaia di persone uccise nelle foibe e dei profughi dall’Istria e dalla Dalmazia, che furono cacciati dalle loro case e accolti in Italia (la cifra viene indicata dagli storici in 250.000 persone, ma c’è anche chi stima 350.000). Alle 11 ci trasferiamo in piazza Martiri delle Foibe, dove si svolge una breve cerimonia presso la lapide, dove parlo io e poi le signore Luciana Rizzotti e Maria Labud (di Sommariva Bosco), che da bambine vissero il dramma dell’esodo (foto);  sono presenti numerosi assessori e consiglieri. A mezzogiorno passo con mia sorella a trovare mia mamma, che ci ha fatto le bugie di Carnevale.

    Verso le 16.30 sono al Polifunzionale, dove il Comitato di quartiere Centro ha promosso la tradizionale festa di Carnevale dei bambini, che vede una partecipazione molto bella che la sala riesce a contenere solo a fatica: grazie ai volontari del Comitato che si sono dati molto da fare!

    Dopo le 17 sono a Palazzo Mathis, dove Bailo presenta il libro (nella seconda edizione da parte del Comune) della signora Luciana Rizzotti (foto). I tanti intervenuti (fra cui Borrelli, Fogliato, Conterno e Milazzo) ascoltano le toccanti parole della signora, che narra il dolore e le atrocità che dovettero subire tanti italiani. Non c’è scusante possibile per i crimini commessi dai comunisti jugoslavi, occorre però ricordare anche che si trattò del frutto avvelenato della dominazione fascista di quei territori, e più in generale della seconda guerra mondiale scatenata dal nazismo.

    Domenica 11

    Alle 8.30 incontro Ramello per fare il punto su alcune questioni urgenti di ATO Acqua, poi con Borrelli parliamo del prossimo Consiglio comunale e delle sua attività delle prossime settimane. Dopo le 11 con Ugo andiamo a fare una piccola passeggiata nella zona di Brandini e San Bartolomeo di La Morra, approfittando della giornata tiepidina seppure ancora invernale.